Robe De Mariée festklänningar Balklänning Robe De Mariée Robe De Mariée Balklänning
Xagena.logo

Gli inibitori PARP promettenti come terapia di mantenimento dopo remissione di carcinoma ovarico

Nel corso del Congresso ASCO, Jonathan A. Ledermann ha presentato i dati aggiornati sullo studio randomizzato di fase 2 in doppio cieco, controllato con placebo, PSR SOC, che ha riguardato Olaparib come strategia di mantenimento di seconda linea nel carcinoma ovarico.

Innanzitutto, lo studio ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza complessivo associato all’uso di Olaparib ( Lynparza ) come terapia di mantenimento di seconda linea, soprattutto nella popolazione che trasportava una mutazione BRCA. Ma altrettanto importante è il fatto che in questa popolazione di pazienti, ben il 12% o il 13% dei pazienti sono rimasti in trattamento con Olaparib per più di 5 anni. E, soprattutto, non ci sono stati nuovi casi di sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta in questa popolazione nell’ultimo report.

Un altro inibitore PARP, Niraparib, ha dimostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione in una popolazione di pazienti simile a quella dello studio su Olaparib.

Ci sono pertanto due studi che hanno dimostrato che l’uso di un inibitore PARP come strategia di mantenimento dopo una seconda remissione di tumore alle ovaie prolunga sostanzialmente il tempo alla progressione della malattia successiva. ( Xagena )

Riferimenti:

A) Ledermann JA, Harter P, Gourley C, et al. Overall survival in patients with Platinum-sensitive relapsed serous ovarian cancer ( PSR SOC ) receiving Olaparib maintenance monotherapy: An interim analysis. J Clin Oncol 2016;34 (suppl; abstr 5501).

B) Niraparib significantly improved progression-free survival for patients with ovarian cancer in both cohorts of the phase 3 Nova trial; Source: Tesaro